Crea sito

Sindrome di Stoccolma: come stare dalla parte dei disonesti

Spread the love

Sindrome di StoccolmaCredo in fondo sia una domanda lecita la mia, dopo aver visto le varie piazze riempite da chi è rimasto vittima dalla Sindrome di Stoccolma, anziché ripudiarlo come sarebbe poi logico, no? Addirittura ama, come danno a vedere coloro che si autodefiniscono sardine, il proprio assassino.

In pratica amano lo stesso partito che toglie loro l’uso dei contanti, pur essendo i contanti proprietà privata, quindi anche loro. Amano chi li sfrutta nelle Cooperative. Chi rifila loro prodotti e questo grazie al mondialismo che promuovono fatti da bambini. Chi mira ad abbassare i salari promuovendo delocalizzazione delle persone dalla terra natia. Chi toglie i soldi ai pensionati. Chi rimuove i figli dalle famiglie per darli a chi per natura non può averne.

Cazzo, ma devi avere cosi tanti di quei problemi mentali che le stesse idee contorte poi ti si confondono, tanto da mischiarle e non ritrovare più niente al proprio posto creando poi in essi quell’insicurezza, che diventa proprio sicurezza come vuole poi la Sindrome di Stoccolma di cui sembra la maggior parte della gente sia colpita. Altrimenti non si spiega!

Sindrome di StoccolmaO forse più che la Sindrome di Stoccolma, darsi delle sardine è perché sapendo che il pesce puzza dalla testa e la maggior parte di queste persone sembrano non averne, è proprio al pesce che questi soggetti schizofrenici fanno riferimento?

Ora posso anche capire soggetti che frequentano i Centri Sociali poverini, con l’uso e l’abuso di sostanze psicotrope e alcool prima si stupiscono e stupidiscono poi questi manchino di spirito critico è plausibile, ma non capisco come sia il tutto sia possibile anche le altre altre persone presenti nelle varie piazze, abbiano poi tutte queste chi più chi meno problemi mentali tali, considerando che la maggior parte di queste peraltro lavorino quasi tutte per vivere e non vivono certo a sbafo come quelle dei Centri Sociali, dovrebbero avere se non altro chiara la questione! O forse anche qui diventa possibile, che questi soggetti chi più chi meno cerebrolesi lo siano pure o come sembra ultimamente essere diventata quasi una moda, siano in tanti ad esserlo e poi lo sono, ma a loro insaputa?


Per leggere altro torna in prima pagina

Print Friendly, PDF & Email