Crea sito

Il PDiavolo fa le pentole dimenticando i coperchi…

Spread the love

PDiavoloGiorni fa ho scritto un post avente come titolo “tanto va’ la gatta al lardo che ci lascia lo zampino” ma mai avrei pensato che oltre lo scrivere, fossi divenuto mio malgrado “profeta”.

Avete presente quanto il PD e la base hanno rotto i zebidei con i 49 milioni che la Lega dovrebbe rendere?

Beh sembrerebbe che i stessi si diano tanto da fare con Banche, Cooperative, sbarchi di clandestini e quant’altro possa creare loro reddito, hanno da rendere alle Banche a loro volta 500.000 Milioni di €uro.

PDiavoloIn pratica come è ormai consuetudine del PDiavoli, essendo disonesti nell’animo, mettono le mani avanti per non cascare all’indietro.

500.000 Milioni di €uro in debiti che hanno con le Banche fin dalle gestioni DS e PDS, cambiando abilmente negli anni continuamente nome nella vana speranza che il debito creato dalle gestioni precedenti svanisse, ma chi conosce il fare delle Banche, sa bene che sono capaci di inseguirti in capo al mondo se devi loro denaro, figurarsi se sanno che te ne stai seduto sempre allo stesso posto e devi loro un capitale come 500.000 Milioni!

Ecco spiegato perché il PD ha un esasperato bisogno di prendere parte a qualsiasi Governo, baipassando il consenso degli italiani.

Governare permette loro di rinviare con la classica locuzione latina del do tu des dando un colpo al cerchio e uno alla botte, permettendo cosi loro di rinviare i pagamenti e allo stesso tempo ricambiare il favore alle Banche legiferando a loro vantaggio, mettendo in luce nel caso dovesse essercene ancora bisogno, del perché i PDiavoli hanno tradito in tutto e per tutto la classe operaia, senza per questo tirarli fuori dalla lotta visto che, chi pagherà i loro debiti saranno come al solito gli italiani.

Una domanda si fa ora scomoda quanto scontata: lo avranno detto a quelli del M5s come stanno messi? Da come si sono dati subito da fare a dare i vari Ministeri ai loro uomini e donne di fiducia, c’è da credere di NO!


Per leggere altro torna in prima pagina

Print Friendly, PDF & Email