Crea sito

Ceravamo tanto amati al buio, poi qualcuno inavvertitamente ha acceso la luce e…

Spread the love

Il progetto era quello di mettere alle strette la Lega, in autunno, su una Finanziaria dettata dalla Commissione europea, per far capitolare Salvini davanti alle condizioni tedesche oppure indicarlo al pubblico ludibrio come estremista sfasciaconti, per poterlo estromettere.

A quel punto – con l’emergenza cronologica della legge di bilancio – potevano varare un “governo di responsabilità nazionale” che – come al solito – frugasse nelle tasche degli italiani e varasse il nuovo “governo Ursula”.

L’imprevista mossa estiva di Salvini li ha presi in contropiede, ma grazie alla sponda offerta pubblicamente da Matteo Renzi, che è il vero campione dell’establishment macroniano e clintoniano, subito Conte e M5S hanno pensato di cavalcare loro, proprio loro, l’idea della crisi di questo governo. Dandone la responsabilità a Salvini.

Così ritengono di avere la botte piena e la moglie ubriaca: cioè possono accusare Salvini di irresponsabilità, tradimento, e realizzare in anticipo quella crisi che avevano programmato loro per novembre.

(Estrapolato da: ECCO COME CONTE STA PORTANDO IL M5S NELLE MANI DELL’ESTABLISMENT FRANCO-TEDESCO, PER FAR FUORI SALVINI ED EVITARE IL VOTO DEGLI ITALIANI di Antonio Socci)

Ho trovato illuminante leggere l’intero articolo a firma Antonio Socci, uno tra i pochi giornalisti italiani che non ha venduto né la sua mente né le sue vedute mettendole a disposizione dei lettori a differenza di come hanno fatto tanti suoi colleghi, i quali, rinnegando qual’è il mestiere del giornalista e la sua funzione all’interno della società non se la sono sentita di fare, probabilmente nell’intento di non perdere il posto.

buioOra per chi è abituato a leggere tra le righe, si colgono sfumature che altrimenti non apparirebbero al lettore. Ovviamente poi, il fattore conclusivo è determinato sia dai sentimenti politici di chi legge o come nel mio caso, essendo per natura apolitico ma non anarchico, quel che salta all’occhio è quello che i professionisti di cui abbiamo appena parlato, evitano come la peste di riportarlo su giornali e telegiornali dovendo evitare che la gente capisca e dotati di “sapere” agiscano come andrebbe poi fatto in caso di elezioni.

Per quanto possa qui io esprimere la “mia” idea che mi sto facendo su quanto avvenuto in questi giorni, non è nelle mie intenzioni modificare le idee in testa di qualcun’altro, per cui prendete con le pinze quanto seguirà, anche perché dovendo ancora continuare a scrivere e visto che basta uno squillo di telefono per confondere le idee, non ho momentaneamente ancora idea di come andrà a finire il seguente post o se seguirà le orme dell’idea originaria come l’avevo in precedenza ordinata.

Conte sulle orme di Berlusconi si presenta a inizio Legislatura come l’Avvocato di tutti gli italiani e sulle orme dei suoi predecessori, si mostra sorridente e figo nei confronti di chi ha dato lui la possibilità di avere un ruolo nel nuovo Governo, il primo dopo anni in cui ci è stato permesso di votare e tornare a scegliere le persone più congeniali e non quelle dettate da ex presidenti e ex premier,,, le cui formule di gestione della Nazione sono state quelle dettate in Europa, da parte di chi come Germania e Francia, stanno facendo di tutto per togliersi il sassolino trattenuto per troppo tempo dentro le scarpe, che guarda caso risponde al nome di “Italia” un sassolino che in millenni più volte si è trovato a mettere in riga due territori abitati da selvaggi e guidati da barbari quali sono ancora rimasti, benché vestano oggigiorno in giacca e cravatta, non ha seguito l’evoluzione che il passare del tempo da come opportunità con l’acquisizione dell’esperienza a tutti!

Tant’è e per quanto se ne dica, la Germania come la Francia per veder sorgere il sole sopra le loro teste, hanno bisogno che l’Italia tramonti e seguendo il loro istinto barbaro, per fare si che il sogno si avveri hanno bisogno che l’Italia sparisca o venga sostituita. Cosi, con un Papa non papa che fa piena ingerenza dall’interno e con Germania e Francia che, dopo essersi appropriate di una Comunità ma che tale non è, inciuciando come Conte ha già fatto con la Merkel (del quale è presente un video peraltro già presentato sul blog che lo testimonia) a vietare lui la negazione del fatto di averlo fatto. In altri tempi tali vili comportamenti venivano annullati da dieci uomini che ti prendevano nel mirino… non a caso oggi, quei dieci… sono stati opportunamente licenziati.

Per quanto riguarda invece il M5s, movimento tanto atteso dagli italiani, con il quale gli italiani speravano di interrompere le scorribande della politica, è bastato dare loro qualche comune e un anno di convivenza al Governo con la Lega, per far capire agli italiani che il tanto sponsorizzato “vaffanculo” altro era che la “parola tuono” con la quale accomunare tutte quelle persone divenute afone a forza di reprimerli, e, una volta data l’oro l’opportunità di tirare fuori quanto finora represso, non hanno trovato di meglio da fare che voltare loro le spalle su tutti gli argomenti di loro interesse. Come dire… un figurone!

Veniamo ora a quanto da me letto tra le righe.

La strategia che ne ho tratto è la seguente: Salvini dopo i ripetuti NO da parte dei pentastellati nei mesi di convivenza di Governo con il M5s, ha ritenuto di non rinnovare l’esperienza avuta lo scorso anno con i Ministri grillini nello stilare la Finanziaria del 2019 e visto che lo scorso anno non era passato neanche il 2,4% preventivato, grazie alle rimostranze di Tria e del poco amato Presidente, ambedue troppo proni ai voleri di Brouxell a cui ha fatto seguito l’adesione del Primo Ministro Conte, l’unica casa intelligente da fare è chiudere qualsiasi rapporto con questi e avviarne uno nuovo, visto che lo scorso anno per quanto sia, lo striminzito 2,04 per quanto sia ha dato i suoi frutti, Salvini che fa la differenza tra i politici italiani di tutti i tempi, mettendo davanti a tutto i bisogni dell’Italia e degli italiani, deve essere risultata stretta ripetere la precedente esperienza da lui considerata fallimentare, tanto che ha preferito mandare tutto all’aria (anche se poi secondo me a sbagliato i tempi, quanto appena fatto era da fare prima…) evitandosi di portare di nuovo la palla al piede del movimento, avente ben poche caratteristiche politiche e troppe caratteristiche buoniste del menga… ha pensato bene di sciogliere il Governo, evitandosi cosi un inutile rimpasto e ripartire magari con la sola Lega, dove i Ministri avrebbero da ascoltare una sola voce senza che nessuna sirena venisse a disturbare la navigazione appena iniziata, portando inutile scompiglio tra i nuovi Ministri addetti ai lavori, visto che l’unico modo per allontanare la tanto temuta recessione europea c’è bisogno di investimenti e infrastrutture, che i pentastellati per loro natura paurosi, anche questa volta avrebbero negato di far fare.

È possibilissimo che con quanto appena esposto io abbia preso, come si suol dire “un granchio” e che il tutto sia il contrario di tutto, ma se cosi non fosse e per come si stanno mettendo le cose, nel caso di elezioni invito tutte le persone ad andare a votare, ogni voto potrebbe essere risolutivo come sono stati risolutivi i 14 voti rimessi dai pentastellati per l’elezione della Presidente della Commissione UE “Ursula… Von Der Leyen” non certo amica della stessa Italia voluta non a caso dalla Merkel a capo della Commissione e tanto cara allo stesso Prodi, tanto da chiamare l’eventuale nuova coalizione tra il M5s e il PD «Coalizione Ursula».

Ora… chi vuole intendere, intenda.


Per leggere altro torna in prima pagina

Print Friendly, PDF & Email